Prezzo:
Prezzo N.D.
Descrizione

l’opera probabilmente è di Scuola Francese, molti artisti a partire dal XIX secolo si dedicarono al genere animalier, ritraendo non solo animali domestici comuni come il cavallo o il cane ma restarono affascinati dal gusto esotico. In pieno clima romantico intorno al 1830 in Europa, si afferma un genere artistico che avrà differenti caratteristiche da nazione a nazione, terrà in considerazione la sfera della passione, dell’istinto, dell’irrazionalità e del sentimento negati dall’estetica neoclassica, la scultura è attratta dalla raffigurazione animale e dalla manifestazione degli istinti presenti in Natura. Il comportamento degli animali studiato dal vero diventa il modo di cogliere e conoscere un intimo e più profondo significato della vita e anche esaltarne la bellezza nella certezza dell’impotenza della ragione difronte a quel mistero, ma solo se studiata dal vero con una lenta rielaborazione e osservando il modello antico, la raffigurazione degli animali avrebbe assunto il significato di arte ..
I punti di riferimento per gli artisti sono gli istituti e i musei di zoologia, con il loro patrimonio di stampe e disegni, ma ancora più importanti sono le visite ai Giardini Zoologici come il Jardin des Plantes a Parigi. Ben presto i Salons francesi ( Nationale, le Salon des Artistes Français) non riuscirono a gestire la grande quantità di soggetti a tema animalier, così ne crearono di nuovi : Salon des Peintres animaliers, Salon des Peintres Equestres, Salon des Peintres de chasse… il genere coinvolse una vasta clientela di appassionati che iniziarono ad apprezzare artisti del calibro di Rosa Bonheur, Delacroix, Géricault, Troyon, Courbet e furono entusiasti di introdurre nelle eleganti dimore soggetti selvaggi o familiari tradotti su tela o in scultura con un realismo emozionante ed appassionato. Nel 1908 la Francia alleste il primo Salon des Animaliers che nel 1912 porterà alla nascita della Société des Animaliers organizzatrice di esposizioni a tema che si tengono ancora oggi.
Il significato simbolico attribuito alla Pantera ha origini molto antiche, con il suo nome si intende infatti un genere di mammiferi carnivori della famiglia dei felidi. Nel pensiero comune Pantera è sinonimo di leopardo , dal momento che gli zoologi medievali parlavano di Pardus , al quale avevano assegnato un linguaggio simbolico. La Pantera è un animale che ha goduto di grande considerazione presso i popoli antichi, la sua pelle era utilizzata per l’abbigliamento dei sacerdoti egizi nei riti funebri. Nella culture sciamaniche dell’Asia centrale ed America Latina, assumeva il ruolo di animale Guida della confraternita guerriera, riuscì ad esercitare un forte potere nell’immaginario collettivo.
L’animale ottenne ben presto l’attribuzione di virtù protettrici nel corso della vita umana, simbolo di carica magica e spirituale, considerata Sacra, capace di ispirare forza e sicurezza, dotata di un’aurea di mistero che la rende regina incontrastata del suo territorio. I simbolisti cristiani videro nella Pantera “ il buon odore di Gesù Cristo” e la considerarono alla stessa stregua dell’Unicorno e dell’Elefante come uno dei tre casti animali.
La sfera dantesca invece racchiude tutte le caratteristiche della seduzione: il mantello screziato, i movimenti aggraziati del suo corpo atletico e maestoso, lo sguardo espressivo e regale, il modo in cui ferma il Poeta, quello che viene descritto come : il triangolo funzionale “caccia- inganno- eros” che viola le norme della morale nei comportamenti. La Pantera da pan – therìon = la tutta bestia, rappresenta la ferocia di una diabolica vitalità che l’ha resa da sempre al centro dell’attenzione di miti e leggende, così come fonte d’ispirazione e magnetismo per gli artisti che si dedicarono al genere animalier.

La scultura si presenta in ottimo stato conservativo, realizzata in un materiale pregiato e raro, è un pezzo unico, non di semplice attribuzione all’interno della cerchia degli scultori francesi ma sicuramente un’opera dotata di qualità indiscutibile.

Maggiori dettagli
Epoca: Inizio Novecento
Dimensioni: L cm 62 x 15,5 cm H cm 27